Ambulatorio Veterinario FIRENZE NOVA

. AMBULATORIO VETERINARIO
........... FIRENZE NOVA
...... Dott. Riccardo Borghi - Dott.ssa Catia Borselli

Il nostro ambulatorio

...ero piccolo...

title

...e non ricordo nemmeno la data...

...Non ricordo nemmeno la data...ero piccolo...quelli con i vestiti verdi si ricordano che era un sabato del mese di aprile...ero piccolo... ricordo solo il dolore e la paura che erano così forti che tremavo...è stato così che mi sono presentato a quelli con i vestiti verdi.

Lei cercava di rassicurarmi ed io la guardavo terrorizzato e paralizzato dal male...ero davvero troppo piccolo per non avere paura, però mi fidavo di lei perchè mi toccava con grande rispetto e delicatezza...secondo me anche a lei batteva forte il cuore , io lo sentivo che sapeva bene quanto forte fosse la mia sofferenza...infatti ad un certo punto lei chiamò lui , il “dottore“ , che subito arrivò.

Mi ricordo che anche il dottore aveva il vestito verde ma sopra ne aveva anche uno bianco che mi intimorì un pochino...lo guardai con gli occhi pietrificati, lei gli disse qualcosa che non capivo e lui mi prese in braccio con la cura di chi sfiora un minuscolo cristallo e mi portò in una sala buia...io e lui, da soli, con il dolore che continuava sempre più forte...lui mi premeva la parte dolente (e so che anche il suo cuore batteva forte...) ed io per non urlare gli leccavo la mano ...la mia zampina era rotta e per tanti giorni a seguire venivo riportato in quel posto, dove c’erano quelli con i vestiti verdi ( lui sempre con sopra quello bianco ) che si prendevano cura di me.

Un pò alla volta con il passare dei giorni anche il dolore passava , tanto che alla fine (ormai era già arrivata l’estate) io non avevo più bisogno delle attenzioni di quelli con i vestiti verdi...però non riuscivo a trattenermi dal correre in braccio a loro quando  passavo davanti alla porta e la trovavo aperta...ancora nessuno di noi sapeva quello che stava per succedere.

Sembra che la vita degli umani sia davvero parecchio complicata ed io questo l’ho percepito subito anche se ancora non riesco tanto a capirlo...il fatto è che quella che pensavo sarebbe stata per sempre la mia casa non poteva più accogliermi, la vita degli umani è tanto complicata, anche la vita di quelli con i vestiti verdi che, quando vennero a sapere della mia situazione, sembra abbiano parlato a lungo di me con tante persone, ma alla fine strigendosi le mani e con gli occhi gonfi di commozione decisero di adottarmi loro(ed era di nuovo un sabato, il 23 Giugno ).

Non ero certo un tipino facile, la mia vita fino a quel momento era stata quella di un piccolo selvaggio senza regole sociali quindi potete immaginare quanto stress e quanto disagio ho provato quando ho capito che quel posto e quelli con i camici verdi (lui con sopra quello bianco) sarebbero stati la mia nuova casa e la mia nuova famiglia .

Abbiamo avuto tutti bisogno di un aiuto e in questa occasione ho conosciuto una persona speciale, lo zio David , che non ha il vestito verde ma parla la mia lingua ed ha saputo insegnarmi a capire la sua...in questo modo con pazienza, fiducia ed affetto io ed i miei amici verdi abbiamo iniziato a conoscerci davvero.

Ho assunto un ruolo importante: regalo gioia a chiunque... soprattutto a chi, come me la prima volta, entra in ambulatorio (così lo chiamano i miei amici verdi ) impaurito e sofferente e regalo un sorriso ad ogni persona, anche a chi soffre perchè il loro amico sta soffrendo, sento i loro cuori, non me lo ha insegnato nessuno...sento la sofferenza e ho un grande rispetto per il dolore degli altri.

Un giorno un signore disse ai miei amici verdi che sembravo uno di quei clown che aiutano i bambini malati in ospedale...io non so cosa vuol dire esattamente essere uno così ma credo che sia una cosa bella, mi piace essere uno così se “clown” significa essere un personaggio che regala il sorriso a chi lo ha smarrito: il sorriso non cura il dolore ma sicuramente lo addolcisce...

Questa è la mia storia... Questo sono io... Qualcuno dice che sono un Angelo... 

Mi presento: sono OSSO .

Share by: